Translations: Italian: Introduzione: l'uso dei Riti e i Misteri

Fellowship of Isis Liturgia

di Olivia Robertson

Dea, Riti e Misteri della Dea

"Cerimonie base e rappresentazioni dei Misteri"

Introduzione: l'uso dei Riti e i Misteri

La religione della Dea è incentrata sul Focolare. Sia che si tratti del sole interiore che fiammeggia nella matrice della nostra terra, o del sole stesso, questa è la fonte manifesta della vita. Il corpo di tutte le madri, siano esse Dee, donne, creature femminili che danno alla luce uova o semi, è il fuoco interiore, è il Centro Divino. In questo nucleo vi è il cuore della nostra vita, quel cuore il cui battito ritmico ci tiene in vita e muove la Danza ritmica della Creazione. Questo battito cardiaco del Cosmo mette in movimento tutti gli altri battiti, anche il piccolo impulso all'interno di un filo d'erba. A livello terreno il cuore da la vita. Su altri livelli è Amore. Perché il Cuore esiste su tutti i livelli.

La donna è una sacerdotessa naturale della Grande Dea, e quindi presiede il focolare. Ovunque brucia qualsiasi fiamma vivente, c'è il fuoco delle Vestali custodito da Estia. La tradizione in Irlanda e in molti paesi è che il fuoco del focolare non deve mai morire. Al momento del solstizio d'inverno il fuoco si rinnova con le braci dal fuoco morente di Yule. È compito di una donna tenere acceso questo fuoco. È compito di un uomo portare il combustibile.

Per creare un santuario per la Dea, ci deve essere questa fiamma matriarcale. In qualsiasi impersonale camera d'albergo, in un appartamento di città, in un piccolo giardino, la fiamma vestale è la stessa e dà lo stesso potere conferito dalla Dea nei grandi templi dell'antichità. Questa fiamma sacra può essere rappresentata da una candela accesa, un bastoncino di incenso, una torcia resinosa o un piccolo fuoco. Il fumo rappresenta l'Aria, il respiro sacro che mantiene vivo il fuoco, così come il nostro respiro si unisce ai nostri battiti cardiaci. Secondo la legge divina delle corrispondenze, tutto ciò che è materiale in questo mondo è un simbolo per qualche realtà in un'altra sfera. Quando un fuoco, candele o incenso vengono bruciati con l'intenzione di onorare la Divinità, viene creato un centro di comunicazione, che forma un anello in una catena d'oro che conduce il potere igneo della Divinità invocata.

Dopo aver costruito il centro del nostro santuario, abbiamo bisogno di un guscio, una matrice per proteggerlo. In passato questo era il compito dell'uomo che costruiva la casa o il tempio. Questa matrice in una forma più grande può essere intesa come l'oscurità dello Spazio Esterno che tiene le galassie nel suo abbraccio nero. È l'atmosfera blu con nuvole soffici che protegge la nostra vegetazione terrestre come una veste: è la crosta della terra, una crisalide che nasconde il mistero interiore. Sotto questo guscio roccioso di terra ci sono due flussi di lava di magma che, come draghi infuocati che ruotano in direzioni opposte, proteggono le mele dorate che brillano nel cuore luminoso del nostro pianeta. E così anche la Matrice è il grembo protettore che avvolge il nascituro e il piccolo animale: il serpente che nasconde le sue uova dentro di sé, e il guscio che custodisce il il seme vivente all'interno.

Con tutto il rispetto possibile per i grandi templi, una semplice stanza o un boschetto di alberi formano una Matrice che protegge il nostro fuoco sull'altare. Un santuario può essere un tempio psichico non fatto a mano. Il devoto, seduto in silenziosa contemplazione, anche in una stanza affollata, può costruire, con l'immaginazione creativa, un santuario che custodisce la privacy dell'anima. Perché la Matrice non è solo un grembo o un guscio: è anche l'aura individuale. Portiamo i nostri templi dentro di noi.

All'interno del santuario vi è il luogo di riposo della divinità, l'altare. Realizzato in pietra o legno, l'altare è il trono di Iside, Aset; e il palladio, lo scrigno di Atena. Ecco il punto d'incontro di Deità e Devoto. Qui la Dea o Dio si manifestano attraverso lo Ierofante o attraverso tutti i partecipanti. Gli elementi posti sull'altare sono un centro terreno dove la Divinità può materializzarsi attraverso terra, aria, fuoco e acqua; e attraverso l'olio che rappresenta la fusione dei quattro primitivi. Qualsiasi scaffale o tavolo in una stanza può essere l'altare e qualsiasi punto o quarto tra i punti della bussola può essere usato. Ogni punto della bussola è rilevante per la Dea. Sull'altare possono essere offerti una pietra, una pianta da vaso, bastoncini d'incenso e una tazza d'acqua. Attraverso la consacrazione del devoto, questi sono usati per il focus della loro vera essenza. La gemma della vita è in una pietra, il soffio divino è dentro il fumo, l'elisir della vita risplende attraverso l'acqua. Ogni elemento, ogni atomo, contiene la scintilla necessaria per la sua trasmutazione.

Realizzando tutto ciò, il Devoto invoca la Divinità e attraverso un semplice tocco delle mani, può risvegliare la scintilla vitale all'interno di ogni oggetto. La terra protegge: su un altro livello rappresenta forza e stabilità. Il fuoco porta vitalità: anche in una sfera più ampia dell'essere, caratterizza l'amore. L'aria simboleggia mente e spirito e quindi deve essere libera di muoversi. L'acqua è così recettiva che deve essere mantenuta pura e calma, eppure fluente. Altrimenti, come le emozioni malsane, può degenerare in una tempesta, o ristagnare. Anche se il simbolismo occulto varia nei diversi sistemi, il principio rimane lo stesso. Qualsiasi oggetto, per quanto umile, è una chiave per la sua realtà essenziale in sfere più grandi. Lo scopo del rituale è quello di colpire una nota su un livello - anche con una campana, un gong o un sistro, e così risvegliare la stessa nota su altre ottave dell'essere.

Quando un santuario viene risvegliato attraverso la sua vera nota dominante e il suo colore, comincia come a canticchiare, come un'arpa ben accordata. È la consapevolezza del devoto che determina questa trasformazione. Perché le divinità rispondono a quelli che bussano. Rispondono a coloro che sono pronti per l'espansione della coscienza e possono aprire la strada all'iniziazione. Gli Spiriti Elementali, i Sidhe, Devis e Devas, cammineranno in armonia con coloro che trattano gli elementi con rispetto. Gli spiriti non dovrebbero essere comandati, anche se questo è possibile: giungono con gioia verso coloro che fanno il lavoro delle Madri.

I Riti in questo Manuale iniziano in modo molto semplice, per un Devoto che potrebbe cominciare il cammino sul Sentiero dei Misteri, ed è solo. Oggi la solitudine è uno stato di vita davvero spiacevole per molti, specialmente per quelli attratti dall'occulto. In epoche passate quegli uomini di chiesa e re che perseguitavano le persone con doni psichici, almeno riconoscevano queste facoltà come reali. È forse più lusinghiero se pur terribile essere bruciato, annegato o impiccato, piuttosto che essere incarcerato in una casa di cura psichiatrica come un paziente che soffre di delusioni. Migliaia di uomini e donne si sentono soli perché sono consapevoli della sfera psichica, della quale desiderano godere - ma non osano, perché temono il ridicolo o il disprezzo. A nessuno piace essere considerato assurdo o pazzo. La creazione di un santuario aiuta un devoto solitario a creare una roccaforte per l'anima, dove lo sviluppo psichico può aver luogo senza disturbi da parte della famiglia o dei vicini non simpatici. Questa fortezza può trovarsi in una piccola camera da letto o in un giardino. Quello che è essenziale è il potere di creare immagini con gli occhi chiusi, o di immaginare belle parole e musica, attraverso l'immaginazione creativa.

Tuttavia, le rappresentazioni reali sono un aiuto. L'immagine di una Dea non può suscitare commenti come l'odore dell'incenso; e chi obietterà per una scatola di fiammiferi o per un bicchiere d'acqua? Una fiamma di fiammifero è sufficiente per invocare l'elemento del fuoco, anche se occorre prestare attenzione quando ciò avviene in ogni sfera. La musica registrata dà anch'essa ali all'anima, e la lettura di rituali scritti stimola lo spirito.

Quando si stabilisce l'uso regolare del santuario, il devoto sperimenta la gentilezza e l'aiuto delle guide spirituali e degli angeli custodi: la comunione con la divinità non è più solo una promessa: diventa un fatto. Ora arriva una scelta. C'è chi preferisce seguire la via solitaria. Questo è molto apprezzato nelle scuole orientali. Dopo la presenza iniziale da parte del Guru, l'aspirante medita in solitudine. Tuttavia, si presume, in questi riti della Fellowship of Isis. che il nostro devoto solitario possa volere compagnia sul Sentiero. Due o tre amici si riuniscono e scoprono gioia e potere espansi attraverso la comunione umana. L'esperienza è acquisita attraverso discussioni e pratiche. Le visioni più ampie si ottengono attraverso la meditazione di gruppo e quando vengono condivisi i resoconti della meditazione, viene generato un modello multicolore, con alcuni filoni simili, alcuni diversi, ma tutti che formano un'immagine bella e significativa. Le guide possono variare nazionalità e persino divinità: alcuni partecipanti subiscono l'influenza cinese, altri sono guidati dall'Antico Egitto o dai regni Devici. E mentre la condivisione continua, viene fatta la scoperta che più i Maestri sono saggi, più lavorano in armonia con altri Insegnanti per aiutare l'umanità e tutto il creato. Man mano che i Maestri maggiori si fanno conoscere, rivelano le verità essenziali in tutte le religioni e filosofie. Con loro si riconosce il valore di ogni percorso.

Quali sono i livelli meno avanzati dei nostri, che potrebbero interferire con il nostro lavoro? Non ci sono interferenze. I meno avanzati sono in contatto con noi perché hanno bisogno di noi: e noi potremmo averne bisogno. Sicuramente noi siamo individui unici. Abbiamo qualcosa da offrire alla Divinità in dono, oltre a inni di lode e incenso. Allo stesso modo, un essere non evoluto che richiede aiuto può ancora avere molto da insegnarci.

I riti quotidiani sono indicati in questa liturgia come utili per un devoto o per due o tre persone che vivono nella stessa casa. I Riti stagionali sono particolarmente adatti a gruppi che possono incontrarsi solo occasionalmente.

In un rito stagionale, l'invocazione è collegata a un periodo speciale dell'anno, con i movimenti ciclici dei corpi celesti e con i cambiamenti climatici della terra. Per coloro che vivono in una città, tagliati fuori dalla natura nella sua forma selvaggia, persino la visualizzazione di Stonehenge e la Stella polare al Solstizio d'Inverno conferisce nutrimento per l'anima, un ricordo delle passate incarnazioni, un'armonia con gli spiriti della natura. Quando un gruppo si riunisce per una festa stagionale, anche in una piccola stanza, l'affinità si armonizza con il cosmo. Sopra di loro non c'è un semplice soffitto in gesso con una lampadina elettrica sospesa - ma la gloria stellata dei cieli. Dietro il televisore c'è il mistero del sole al tramonto, oltre il radiatore c'è la radianza delle stelle circumpolari, dalla porta si può sentire l'influenza del centro della nostra galassia, vicino a Vega, la Fanciulla Tessitrice. E il possente Orion si sta alzando sotto il tappeto del salotto, mentre insegue Taurus, e a sua volta è seguito dalla stella di Iside ora sotto la terra.

Questo uso creativo dell'immaginazione divina aiuta l'anima, mentre il corpo è passivo e poco muta nell'ambiente materiale, molto si modifica nella mente. E questo è il percorso spirituale di sviluppo. Ma quando viene intrapresa l'attività rituale, il potere viene portato al piano terreno. "Per gli agili piedi di Arianna lui ha creato una pista da ballo." Così scrisse Homer of the Dance of the Cretan Labyrinth. Nel ballo rituale, anche un semplice movimento circolare porta al potere. È come un serpente infuocato dapprima avvolto che si stende e esprime la sua vitalità attraverso ogni devoto. Quindi balla i Dervisci, con i cerchi antiorari che imitano la rotazione della luna, e così raggiungi l'euforia. Ogni danza porta con sé il suo effetto sull'anima e sul corpo e su ciò che lo circonda. Antichi giochi e canti di bambini fanno eco a vecchie danze misteriose: "Dentro e fuori le finestre polverose", "Quante miglia a Babilonia", "Riposa la Signora della Montagna" e "Rampicanti". Mentre i nostri antenati camminavano tra i circoli di pietre megalitiche per propiziare la fertilità e la comunione con le Divinità, così i bambini giocavano a "Infila l'ago", infilandosi negli archi con le braccia sollevate.

Tutte le arti rafforzano il rituale e apportano cambiamenti mirati. Quando vengono recitate antiche liturgie e vengono pronunciate parole di potere, il suono riverbera attraverso i secoli, nota che chiama nota. Le parole che vengono pronunciate, anche nella traduzione, risuonano come quelle usate nei templi per migliaia di anni. In questi Riti per la Fellowship of Isis, antiche invocazioni, inni e dialoghi sono presi da antiche liturgie di molte religioni. E' giunto il momento in cui Iris, l'arcobaleno messaggero, sta creando un modello di bellezza formato da molte fedi. La comunicazione attraverso nuovi metodi di viaggio, wireless, televisione, giornali e libri, costringe le persone a essere consapevoli del fatto che l'orizzonte religioso è molto più ampio di quello che avevano immaginato. Nessuna pratica religiosa può ora dominare questa terra e costringere le fedi rivali a essere considerate eretiche. Quindi i saggi accettano questo, e sono alla ricerca di un accordo in comune in modo che l'armonia possa essere raggiunta. Quindi in questi Riti le preghiere e gli inni sono usati a Karnak, Babilonia, Africa, le terre norrene, l'India, la Cina, il Giappone, i paesi celtici. Perché tutti sono rilevanti e senza una sola fede la sinfonia planetaria è carente. Accettiamo il dono dell'arte e d'artigianato diverso per ogni paese e impariamo a ricevere e apprezzare ogni contributo religioso ed esoterico da qualsiasi parte del mondo.

Qualsiasi Rito che invochi la Deità o le Divinità attraverso una Religione Misterica - quella che ha a che fare con l'Ignoto - ha effetto su tutti i livelli e sulla terra stessa. Nel corso dei secoli persone di culture diverse hanno imparato a comunicare con quelli di altre sfere: abbiamo bisogno di tutta la conoscenza, la comprensione e il buon sentimento che possiamo ottenere, in modo che possiamo vivere in pace gli uni con gli altri e con tutte le creature; e ottenere la felicità e la saggezza nelle sfere oltre la morte.

In questi Riti, tuttavia, abbiamo usato un fattore comune integrante: la Fonte matriarcale, le Dee Madri. C'è una buona ragione per questa dedizione particolare. Gli Dei o Dio sono stati invocati sempre più escludendo le Dee, durante l'età del ferro, che dura da tremila cinquecento anni. Ora questo periodo analitico tecnologico viene sostituito dall'era subatomica o spaziale. E questo sempre più coinvolge l'apparentemente soprannaturale "etere", che ora viene fotografato solo da strumenti particolarmente sofisticati. Per proteggere la vita su questo pianeta è essenziale ripristinare l'equilibrio nel nostro mondo, in particolare in Occidente, dove c'è la concentrazione più pericolosa di Marte-Saturno ovvero del potere aggressivo maschile. L'attrattiva psichica ed emotiva delle Dee è necessaria per calmare Marte e rendere Saturno gentile. Quando una specie è in pericolo di annientamento può aver luogo una mutazione significativa. Questa trasformazione viene volontariamente intrapresa da coloro che seguono il sentiero occulto. Per accelerare questo processo, l'attività ideale è quella che fonde lo psichico con il fisico: il movimento rituale che usa tutte le arti può raggiungere questa nuova consapevolezza mistica.

Una processione a spirale lenta e sicura si snoda attraverso un giardino fino all'interno, muovendosi verso il tempio che unisce due sfere, quella terrena e quella psichica. Dopo una tale cerimonia, il giardino o il campo ha un'atmosfera diversa, più psichicamente viva, che può essere avvertita anche da coloro che non conoscono l'occulto. L'uso di abiti e simboli da cerimonia, il modo di suonare strumenti musicali, aumenta l'effetto. Tuttavia, se i vicini possono chiedersi perché sentono cantare, possono imbattersi in strani simboli da loro sconosciuti, o sentire le note inquietanti del flauto e il sonaglio del sistro, tutto ciò che serve è una tranquilla passeggiata intorno al giardino in abiti quotidiani. Durante questo cammino silenzioso i pensieri vengono inviati per benedire le piante e la terra. La processione si snoda quindi verso la porta dell'ingresso e quindi all'interno del santuario. Così l'esterno è ben conosciuto e mescolato con l'interno. Dopo il rito all'interno del santuario, che porta attraverso il Potere necessario per ottenere il buon fine della cerimonia, è necessario che la processione ritorni fuori casa, preferibilmente in un movimento a spirale al contrario. Questo senso inverso di ritorno non serve ad inibire il Potere, né a rinunciare all'aiuto degli Esseri Elementali che hanno scelto di unirsi alla cerimonia. È invece eseguito per disperdere il potere verso l'esterno

in modo che possa irradiare benedizione a tutto il vicinato e alle piante, alla terra e ai flussi circostanti.

È bene, quando si eseguono Riti e Misteri, usare terra, piante, acqua, fuoco e olio. Ma questi possono essere sostituiti da simboli o avere una rappresentazione molto semplice. Gli elementi di acqua e fuoco in un giardino possono essere opportunamente indicati con un discreto secchio d'acqua e un piccolo falò.

Un rito inizia con un'invocazione alla divinità e termina con il ringraziamento alla divinità invocata. Il Ringraziamento include l'accettazione dell'aiuto ricevuto; e questo è determinato dalla consapevolezza cosciente del bene elargito. Spesso preghiamo per qualcosa e poi ci dimentichiamo di tutto. Per sette o nove giorni, dopo un rito, coloro che hanno preso parte farebbero bene a osservare i possibili effetti. Dopo tutto, il miglioramento della coscienza può avvenire solo quando siamo consapevoli che questo ci sta accadendo. L'aura intorno agli alberi e alle piante può diventare evidente: una nuova vitalità non si sente solo tra i partecipanti, ma nei loro amici. La guarigione può verificarsi nel vicinato. I gatti amano particolarmente i rituali, ma anche altri animali e uccelli ottengono benefici. Perché nel vero mondo della perfezione a cui appartengono eternamente, il gatto gioca con i topi e i topi lo invitano a un tale gioco, che nel mondo psichico non è seguito da dolore e morte. Un leone che si sdraia vicino un agnello, per Natura, e mostra denti e artigli rossi su questo piano, nelle sfere interne mostra un volto più amabile. La morte avvenuta per essere stati mangiati si trasforma in estasi attraverso la resa: uccidere diventa il desiderio di avvolgere e amare: la fame di potere diventa il desiderio di abbracciare gli altri in una stretta unificante. Anche il più perverso dei desideri è un riflesso di un bisogno che è essenzialmente buono. Il rituale determina questa affinità con il mondo reale usando i suoi simboli. Avendo visto il Vero, il devoto può rendere il riflesso buono. Nessun partecipante è mai completamente lo stesso dopo aver veramente goduto della comunione divina.

Nei Riti e nelle Cerimonie, le Divinità donano cibo e bevande, benedizioni e aiuti. Questi sono per tutti. Ma i Misteri vanno oltre. Questi sono per coloro che sono pronti per uno sviluppo maggiore del vero Essere. E un tale sviluppo non può essere causato da alcuna cerimonia: ma una cerimonia prepara l'anima e la personalità per ciò che può accadere. Questo può succedere nel lampo di un secondo: quando un piede viene sollevato, fai un passo tra due parole; arriva inaspettatamente come la morte, rapidamente come l'amore, ed è altrettanto fruttuoso.

I Misteri qui presentati in una nuova forma sono tra i più antichi conosciuti della razza umana. Ognuno di questi Misteri può essere usato per l'Iniziazione: per un cambio di stato. Un tale rito può quindi essere usato come requiem o per un funerale per chi è entrato nel mondo dello Spirito, per ogni candidato che aspira ad entrare in una coscienza più profonda, per un matrimonio di due anime gemelle, per il parto di un bambino appena entrato nel nostro mondo, questi Misteri sono perfetti per tutti i cambiamenti di consapevolezza.

La Rappresentazione di Iside e Osiride veniva celebrata per il popolo egiziano nelle corti esterne dei templi egizi, e così si rivolgeva al più semplice. Tuttavia, per comprendere questo mito è necessaria una conoscenza oltre l'umano. Perché ogni Mistero si esprime su molti livelli. Secondo la percezione dei partecipanti. In superficie, la storia di Iside, Osiride e Set è un romanzo d'azione, un thriller. Osiride viene assassinato e sua moglie, aiutata da un abile amico, deve trovare i frammenti del suo corpo. In questa storia popolare di un buon re e regina egizia e il malvagio fratello, i virtuosi vengono ricompensati e il cattivo viene punito dal re e l'erede della regina, Horus. La storia assomiglia a quei misteri recitati fuori dalle cattedrali medievali in cui Giuda riceve i capelli rossi di Set. Anche gli intermezzi comici sono apprezzati. Questa necessità comica, la percezione dell'incongruenza dei livelli interagenti, fu accettata dai greci, ma da essi relegata in un epilogo farsesco, distinto dalla rappresentazione centrale. Ma nell'antico mito babilonese di Ishtar, la Dea ha

un dialogo umoristico con Neti, Portavoce degli Inferi - quando minaccia di abbattere la porta se rifiuta la sua ammissione. Ma dal momento che il genere umano diventa più intellettualmente ostruttivo, e quindi più lontano dalla natura, l'umorismo è considerato irriverente, quindi quando raggiungiamo i Misteri Greci non ci viene concesso alcun umorismo: la commedia è relegata come una catarsi necessaria se volgare.

Così i Misteri diventarono più filosofici ad altri livelli di comprensione, una volta che la conoscenza segreta dei preti iniziati divenne più ampiamente conosciuta. Quindi la bara fatta da Set per Osiride era intesa come il corpo umano. I frammenti del faraone assassinato erano visti come i Nomi d'Egitto, o come frammenti sparsi di umanità non iniziata. Attraverso questa comprensione dei simboli archetipici, Iside non era più una semplice regina amorevole, ma era un archetipo femminile di devozione coniugale. Ma poiché questa identificazione delle virtù e delle qualità di dèi e dee rendeva le divinità più sublimi, più oggetti di culto adatte ai colti – allo stesso tempo le rendeva meno reali. Perché se Iside non è una donna vera, o Osiride e Set uomini reali, che rilevanza hanno per noi, se non come personificazioni di qualità astratte? Perché non rispettare le qualità ed evitare i vizi - senza presentarli con volti umani o animali?

Quindi la religione si divise in Filosofia, dove prevaleva il pensiero astratto e una pratica teurgica per le persone che ancora volevano aiuto e comunione con le Divinità. Ovviamente quindi, la maggior parte delle persone voleva una vera famiglia di carpentieri a Nazareth, piuttosto che esseri archetipici non reali. Il culto dei santi ha portato loro il gentile aiuto e il calore degli esseri che vivono in un mondo migliore e più felice dopo la morte. I santi assunsero la stessa opera di Dèi e Dee, poiché anch'essi dimoravano nella sfera psichica, eppure potevano influenzare il mondo materiale.

Quindi i Misteri erano divisi, mentre la coscienza umana si rivolgeva all'intellettualità. La Rappresentazione, sia essa greca, o più tardi europea, si soffermava sempre più sui problemi umani. I Misteri della religione avevano un solo canale: la Messa. Solo gli ordini esoterici segreti conservavano gli antichi rituali teurgici. Questi non sono rituali laici. I Misteri sono un mezzo di grazia attraverso il quale il devoto, usando l'identificazione o attraverso l'adorazione, raggiunge l'armonia, persino la comunione con la Divinità. Infine, la divinità latente viene risvegliata nelle figlie e nei figli dei Divini.

Studiando questi antichi Misteri, sembrerebbe in un primo momento che ci sia un solo neofita o forse due in ogni rito. È Osiride che muore e risorge, e quindi è il candidato per l'iniziazione. Psiche e Demofoonte imparano le lezioni necessarie dalle loro divinità tutelari: Teseo è guidato attraverso il labirinto dalla Sacerdotessa Arianna.

Ma a un esame più attento, ci rendiamo conto che anche le Divinità possono espandere la loro coscienza individuale attraverso relazioni con persone meno avanzate di loro. Nel mito indiano, il dio Krishna impara la compassione per gli uomini e gli animali dall'uomo mortale Arjuna. Poiché ogni essere è una manifestazione particolare della realtà divina pervasiva, quindi ogni creatura è necessaria per portare armonia al tutto. Quindi anche un Potente Essere può imparare da una creatura inferiore, e così scoprire una nuova gioia. Perché non ci sono qualità maggiori o minori: c'è solo una differenza nella quantità. Quindi Demetra stessa che è la Grande Dea, impara a condividere sua figlia con Ade. Anche Ade restituisce Persefone a sua madre. Secondo una fonte greca, questo accade per un anno e mezzo. Ma secondo un'altra versione, il ciclo annuale di Persefone è diviso in tre: uno terzo con sua madre, uno con Ade negli inferi e un ultimo con i suoi amici sulla terra.

C'è una somiglianza in questo mito delle due Dee con la "Tempesta" di Shakespeare e con l'opera di Mozart "Il flauto magico". Abbiamo una ragazza, simbolo dell'anima umana, con una Dea Madre e Dio Padre come genitori. Madre e Padre sono separati l'uno dall'altro. Nel mito greco, è il Padre che

è terrificante e la madre buona. Mentre il patriarcato prevaleva sempre più in Occidente, troviamo un nuovo pregiudizio secoli dopo nella commedia di Shakespeare. La madre difficilmente è viva, oppure è rappresentata dalla strega cattiva, Sycorax. Il padre è un mago autoritario puritano che sfrutta gli Spiriti Elementali e gli indigeni dell'isola dove è in esilio. La trama del "Flauto magico" ha in primo luogo un significato opposto. La madre, la regina della notte, era originariamente buona, il sacerdote Zarastro, era il cattivo. Ma a causa di una storia simile sul palco del periodo, questa trama è stata invertita. È interessante notare che nel film moderno dell'opera di Ingmar Bergman, quest'interpretazione è portata all'estremo. La Regina della notte viene mostrata come una madre demonicamente possessiva che usa sua figlia per uccidere suo padre. Il padre è ritratto come un patriarca virtuoso che indossa una tonaca nera ed è a capo di un ordine segreto di occultisti protestanti con una mentalità puritana. Naturalmente il coro di chiusura: "Oh Iside e Osiride" è stato omesso. È una dramma scandinavo con problemi riguardanti il divorzio, con il Padre al quale è affidata una figlia piuttosto debole e un eroe debole anche lui. L'età del ferro si esprime in questa versione nordica come totalmente ostile alla dea madre e impegnata in un patriarca totalitario. Persefone come la figlia è in ombra. Umile, sottomessa, obbediente al Padre, vittima di attacchi del suo orribile servitore, ha bisogno di soccorso dalle sue sorelle, le Valchirie!

Quanto è scarso il mito rispetto al Mistero di Demetra e Persefone. È all'antico mito che dobbiamo ritornare, per l'integrità. La triplice natura delle Dee e di noi stessi è manifestata nella dea dell'Olimpo, la sovrana, la creatrice: la ridente fanciulla dei campi fioriti dell'arte e della natura e la Regina dei Misteri. L'oscura incantatrice di Ade. Durante l'età del ferro solo un archetipo veniva considerato e conservato dalle donne per emulazione: la Vergine Accogliente, o la gentile Vergine- Madre, che aiutava l'umanità solo attraverso la supplica al Padre di Tutti. Tuttavia, nel perseguire questo ideale le donne riversavano l'ammirazione solo sulle giovani fanciulle: quando queste invecchiavano erano "Vecchie Vergini", "zitelle". Gli ignoranti e impotenti, e spesso anche indigenti, che cosa avevano, se non la loro devozione per i miti?

Eppure le “Venerabili” sono molto potenti. Le Eumenidi: in questi riti venivano invocate le Furie, le Eumenidi, le Regine degli Inferi. Perché i poteri oscuri delle Madri non devono essere temuti: ma devono essere rispettati. Dalla terra nera cresce il grano fruttuoso, e l'albero della vita che sostiene gli uccelli alati luminosi cresce pur sempre dal suolo. Non c'è più bisogno che gli umani soffrano per la vergogna delle loro radici terrene. Nessuno ha bisogno di temere la vecchiaia o di ignorare i bisogni naturali all'interno dei propri corpi. Ma se alle donne è stato insegnato a vergognarsi della Madre oscura interiore, e a temere l'Incantatrice che porta doni psichici, gli uomini sono stati derubati dell'eredità spirituale, è stato insegnato loro a vergognarsi della sensibilità, dell'amore per le arti, dello psichismo, della tenerezza e della cura dei bambini, degli animali e delle piante. Una raffinatezza innaturale e troppo sviluppata nelle donne, e una brutale "tenacia" negli uomini negava a entrambi i sessi un completamento naturale: come rinnegare una parte del cervello, una mano o un piede. Abbiamo bisogno di entrambe le nostre mani, entrambi i lati del nostro cervello, e sia dell'anima che del corpo, affinché si possa godere del nostro vero io.

Coloro che si identificano con varie Dee e Dei, che li riveriscono e li amano, troveranno l'unione con la propria coscienza. Perché c'è una divinità per ogni persona, che sia umoristica, seria, gioiosa, vivace, forte o gentile. Non solo ogni persona è rappresentata da una divinità, esiste anche l'amante ideale: per Iside dai diecimila nomi è Osiride dai diecimila volti. Eros è visto come Amore, ma un amore colorato dalla sfida, la famiglia, l'attrazione, conciliati alla devozione di Psiche. E Psiche appare all'amante con la forma e la bellezza che sono riservate solo a lui. Quindi la Deità deve essere cercata nella meditazione: amata in coloro che conosciamo e scoperta attraverso i Misteri. Questo è l'oscuro segreto degli Inferi: questo è l'enigma del Labirinto. È un segreto che viene raccontato da tutti gli insegnanti. È un segreto rivelato. Le parole potrebbero darci il senso della rappresentazione di una sfinge, ma è solo l'esperienza che ci rende noto quel segreto. Una spiga d'orzo è raccolta in Silenzio.

Il rituale del sole fu usato per l'iniziazione di Mary Voit, dopo la sua ordinazione come sacerdotessa di Dana, al castello, durante il solstizio d'estate del 1977. La cerimonia, inclusa l'iniziazione e l'ordinazione dei Sidhe, fu mostrata su "Newsround", Telefix Eireann il 13 dicembre 1977. Dianne Rencontre personificava i Sidhe di Fuoco e Aria e Lucy Durdin-Robertson, i Sidhe di Terra e Acqua. Due fuochi furono accesi alla fine della lunga Yew Walk attraverso cui passarono i partecipanti, secondo l'antica consuetudine irlandese per la Mezza Estate. L'acqua utilizzata era piovana, proveniente dalla valle della Bullawn Stone in un campo. Questa pietra ha proprietà curative ed è chiamata la Pietra di Wart. È ancora usata localmente per la cura delle verruche.

Il rituale del sole fu celebrato il 21 luglio 1977 e un estratto di questo fu mostrato nel programma televisivo della BBC "Nationwide" il 9 dicembre 1977 e fu replicato durante l'agosto successivo. Janet Farrar eseguì la Danza del Sole di Grainne, ei figli e le figlie di Lir includevano Elizabeth Craig, Marjorie Clark, Lucy Durdin-Robertson e Timothy Rearden - in tutto, dodici nel cerchio, attorno al Danzatore. I bardi comprendevano Stewart Farrar, Peter Clark e Desmond MacCarthy. Questo rito fu celebrato nel Tempio di Iside. I ruoli di Sacerdote e Sacerdotessa sono stati ricoperti per questi tre riti dal Rev. Lawrence Durdin-Robertson e Olivia Robertson. Janet Farrar era una sacerdotessa per la rappresentazione di Demetra e Persefone.

Il mistero di Demetra e Persefone è stato rappresentato il 20 luglio e sono stati mostrati estratti su "Nationwide". Lucy Durdin-Robertson rappresentava Persefone e Stewart Farrar, Ade. Timothy Rearden ha recitato il ruolo di Hermes e Lawrence Durdin-Robertson, Helios. Marjorie Clark era Ekate degli Incroci. Peter Clark era Caronte, che teneva con sé il cane Cerbero - messo in scena dal Labrador Benjamin Aquarius. Questo avveniva all'aperto. Il campo di Enna era sotto la cenere cadente circondato da erbe e fiori selvatici. Ekate ha preso il suo marchio da un falò posizionato su più gradini di pietra. La discesa verso l'Ade è stata la Yew Walk. Ade era in un boschetto di cipressi, con un altro fuoco. Gli animali prendevano parte e gli uccelli cantavano. Twitchet il gatto nero si unì a Olivia Robertson alla finestra, prima del Rituale del Sole: Salamandar, il pony Shetland brucò le erbe dell'Elysium: Nellie, il King Charles Cavalier Spaniel, si unì a quelli che entravano nel Tempio di Iside.

Possano coloro che celebrano questi riti raggiungere il loro vero essere. Traduzione di Ivana Circe Modesto.

Nota: la traduzione non è letterale, ma adattata per rendere al meglio il senso in italiano. L'ortografia è stata modificata da quella originale arcaica per rendere più scorrevole la lettura.




La Compagnia di Iside




Comments