Italian: Urania 2: Time Magic

Urania, Magia Cerimoniale della Dea

Liturgia della Fellowship of Isis di Lady Olivia Robertson

Magia del Tempo

Traduzione a cura del Lyceum Campense, Roma

Oracolo della Dea Neith

 

Sacerdotessa: (Invocazione): Signora splendente, Neith, Dea della volta stellata, Dea della Magia, concedici il tuo oracolo! Tu che sei stata adorata ad Atlantide e nelle Due Terre di Khem, hai detto: "Io sono Tutto ciò che era, cioè, che sarà. Nessuno può osare sollevare il Mio Velo e vivere". Perciò con le tue stesse mani alza il tuo velo per noi, che ti adoriamo come la luce bianca della verità. Quindi, conoscendo Tutto il Tempo, possiamo servire più giustamente il tuo scopo divino!

Oracolo: non contrattare con le divinità! Non puoi ingannare la Verità, ma piuttosto te stesso! Sii onesto. Non sai perché cerchi la conoscenza occulta, ma cercarla devi, con un desiderio inestinguibile! Servi il Mio Divino Scopo in ogni caso, sia che tu agisca nel male o nel o bene: poiché se compi del male, le Divinità trasformano il male in bene: e se fai del bene, è lo stesso per il Proposito ma più piacevole per te stesso.   Per gli umani è normale perseguire l'Amore con orgoglio: e trattare la Verità con umiltà. Poiché l'amore mostra un volto così bello che tutti volano tra le Sue braccia. Tuttavia, fare questo è corteggiare la distruzione nel consumare la passione. Ma la Verità è ritenuta essere così orribile da esser vista come la testa di una Gorgone intrecciata con serpenti velenosi, e così evitata a tutti i costi! È considerato più sicuro prostrarsi davanti alla Dea velata, piuttosto che sollevare il Suo velo. Molti temono il destino di Edipo, che diede la risposta concreta all'enigma della Sfinge, non conoscendone il vero significato, e così perì della sua stessa ignoranza. Sono divertita che tu mi chieda di sollevare il mio velo; e poiché sono intrattenuta, lo farò, secondo il tuo vero bisogno, ma non per la soddisfazione della tua curiosità che tu nobiliti con il nome di scienza. Poiché l'intelligenza è la mia prerogativa e l'umorismo è il mio sale. Lo shock quando sollevo Il mio velo conduce spesso ilarità più delle lacrime indotte dall'Amore. E tu temi l'ilarità, quando è diretta contro te stesso. Deve essere ridotta alla tua misura pertinente, il tuo vero livello. E questo in un secondo uccide i sogni auto-illusi della tua importanza in relazione agli altri, la tua alta statura che diminuisce i tuoi rivali. Tuttavia, non temere. Solo temi l'auto-inganno. Perché in realtà la Verità porta il volto più bello di tutte le Divinità. Quando guardi il Mio specchio, puoi prima vedere la Testa di Gorgone delle tue follie: ma attraverso questa maschera con l'occhio del discernimento vedrai la tua stessa bellezza immortale. E così vedrai anche la bellezza immortale nascosta in tutti gli esseri.

 

Magia Cerimoniale del Tempo

Lascia che ci sia un altare centrale avvolto in un panno nero. Su di esso, ci sono tre candele bianche accese, incenso che brucia, una clessidra di sabbia e un pendolo. Sull'altare lascia che ci sia un "fuso" o filo avvolto, un gong e una brocca d'acqua. Il cerchio del tempio è segnato con i segni zodiacali, ambientati nella modalità Acquariana della nuova era, l'Acquario a est, lo Scorpione a nord, il Leone a ovest e il Toro a sud. Incantatrici con volti velati portano ghirlande in testa e sono vestite di bianco. La prima incantatrice tiene una falce d'oro. 8 compagni sono vestiti di viola. Le incantatrici stanno di fronte a ciascuna candela sull'altare. I maghi stanno ai 4 quarti. 1° Mago all'Acquario, gli altri 3 da destra a sinistra. I partecipanti stanno agli altri segni zodiacali.

Prima incantatrice: che l'orologio cosmico colpisca dodici, mentre la vecchia era muore dando origine alla nuova dispensazione.

1 ° Mago: (colpisce dodici volte il gong) Compagni nella ricerca dell’Assoluto, siamo riuniti in questo tempio sacro per invocare le divinità stellari, affinché possano aiutarci a ottenere il raccolto del passato e attraverso la porta del presente, conoscere il nostro destino. Dunque che noi possiamo mettere in atto i nostri veri ruoli nel Piano Divino.

Prima incantatrice: il destino si sviluppa attraverso i cicli. Lascia che le divinità stellari siano invocate attraverso le loro case, muovendosi attraverso il ciclo siderale della precessione degli equinozi.

Seconda Incantatrice: (brucia incenso attorno al cerchio da sinistra a destra) Offriamo incenso alle Divinità Immortali delle Stelle. Che benedicano l'Opera.

1 ° Mago: (tiene in alto la falce) Nella casa dell'Acquario in Oriente invoco Mnemosyne. Mnemosyne dei bei capelli, sorella di Crono, madre delle Muse incoronate d'oro, portaci la Tua Memoria delle cose passate.

1 ° Compagno: Nella Casa del Capricorno invoco il dio Poseidone. Canto di Poseidone, il grande Dio del mare fecondo, Dio degli abissi. Ave, Poseidone, detentore della terra, dai capelli scuri! Consorte di Cleito, tu che con Lei hai dominato Atlantide, portaci conoscenza dagli abissi delle epoche passate.

Secondo compagno: Nella casa del Sagittario invoco Saturno. La tua età d'oro fu la prima, che senza alcun Vendicatore, o il vincolo della Legge, praticò di sua iniziativa Fede e Giustizia. La paura e la punizione erano ancora sconosciute. Nazioni pacifiche e sicure, vissute in nobile tranquillità. Gli uomini si contentavano del cibo che Madre Natura elargiva liberamente, raccoglievano il frutto del cespuglio di fragole, i bruchi che crescevano sulle montagne e le ghiande che cadevano dalla spumeggiante quercia di Giove. La terra, non arata,  produceva raccolti di grano bianco. Ora è giunta l'ultima era della canto di Cuma, la Sibilla: ora torna la Vergine: ora una nuova generazione discende dall'alto del cielo.

Secondo Mago: (riceve la falce dal primo Mago, la tiene in alto) Nella casa dello Scorpione nel nord invoco Selket. Non abbastanza, Divina Dea, è per noi il bere alla fonte dei ricordi. Con il morso dei Tuoi scorpioni infuocati potremmo risvegliare la Tua Fiamma Interiore della Vita. Che noi possiamo rivivere il passato in modo che diventi il Presente. Così noi, i Tuoi figli potremmo conoscere la nostra immortalità.

3 ° Compagno: Nella Casa della Bilancia invoco Giano. Mentre ci troviamo sulla soglia del passato e del futuro, invochiamo l'Osservatore sulla soglia. Giano, che con i tuoi due volti guardi al passato e su ciò che deve essere, concedici la saggezza per scegliere saggiamente.

4 ° Compagno: Nella Casa della Vergine invoco Parvati-Kali. Dea duplice che è la padrona del tempo. Tu che sei la Sovrana di entrambe le ere, poiché Kali dello Yuga che svanisce dà vita a Parvati, bellissima Dea della Compassione. 

3 ° Mago: (riceve la falce e la tiene in alto) Nella casa di Lee in Occidente invoco Crono. Tu sei Consorte di Rea, che con la Sua arte governò i Titani. Concedici la saggezza dei cicli. Poiché ciò che era sarà; e il futuro è modellato dal passato. Attraverso la comprensione possiamo trasformare la conoscenza in saggezza.

5 ° Compagno: Nella Casa del Cancro invoco Neith. Dea di Atlantide, non osiamo avere l'empietà di sollevare il Tuo Velo. Di Tua Grazia sollevalo per noi se questo è il nostro Destino.

6 ° Compagno: Nella Casa dei Gemelli invoco la Dea Pytho. Santa Dea Pitone , che attraverso le Tue Pitonesse ha dato profezie a Delfi, portaci la Tua Vita attraverso il morso del tuo serpente, affinché possiamo imparare a godere delle nostre vite future anche mentre viviamo nel presente. Perché questa è la vita eterna: sperimentare il passato, il presente e il futuro come un tutt'uno.

4 ° Mago: (riceve la falce e la tiene in alto) Nella casa del Toro nel Sud invoco Febo Apollo. Non è abbastanza vivere e gioire: dobbiamo conoscere. Sole splendente d'Ellade, concedici l'arte di ritirarci dal passare il Tempo in modo che, al sicuro sul mozzo della ruota, possiamo osservare le ere passate e come Te conoscere il nostro eterno Sé. Così possiamo sfuggire al destino di Cassandra che aveva conoscenza ma fu intrappolato da Nemesi. Concedici la calma degli Immortali.

7 ° Compagno: Nella Casa dell'Ariete invoco Astrea. I suoi uomini l'hanno chiamato Giustizia. Anziana dimorava sulla terra, non disdegnava mai nei tempi antichi le tribù di uomini e donne, ma mescolandosi con loro si sedette, per quanto fosse immortale. Emise la Sua voce, sempre sollecitando giudizi più gentili verso le persone. Giustizia Ella stessa, Regina dei popoli, donatrice di cose giuste, soddisfece abbondantemente ogni bisogno. Sinché la terra nutrì ancora la Razza d'oro, Ella ebbe la sua dimora sulla terra. Lasciò la terra quando gli uomini forgiarono le armi per un conflitto fatale e si cibarono del bue paziente. Solo ora, Astrea, pura Lucina, sorridi alla nascita del bambino, sotto il quale cesserà la covata di ferro, e una nuova Razza Dorata nascerà in tutto il mondo.

8 ° Compagno: nella Casa dei Pesci invoco Brahma. I potenti Kalpa di Brahma che reggono milioni di anni ci riempiono di meraviglia e riverenza. Troppo grandi sono questi eoni affinché la mente umana possa comprenderli. Quindi ci rivolgiamo alla sua consorte, la dea Sarasvati, che conduce il più grande eone in armonia con il più breve battito del cuore, attraverso la sua musica divina. Per lei la vita di uno Gnat è preziosa come la Divinità: così tutti possiamo unirci al suo canto della creazione.

1° Mago: passiamo alla misura del tempo sul Fuso dei Cicli.

Musica per tutto il resto del rito. "Childe Harold" di Berlioz, "1st Symphony" di Sibelius, "Swan of Tuenela", "4th Symphony" di Borodin o "Ein Heldenleben" di Richard Strauss sono adatti.

3 Incantatrici, leggermente toccandosi la punta delle dita, circoambulano intorno all'altare, da destra a sinistra.

Il 4 ° Mago e gli 8 compagni girano intorno allo Zodiaco da sinistra a destra, modalità siderale.

1° Mago: (alla fine della danza) Anche le Divinità obbediscono al Fato, sotto la cui egida tutti gli esseri vivono il loro spazio assegnato di molte esistenze. Le Tre Norne fanno girare Passato, Presente e Futuro mentre si siedono sotto l'Albero di Cenere Yggdrasil. Lasciateci offrire riverenza alle Norne.

Prima incantatrice: Le Norne non possono essere invocate, poiché la loro Santità è al di là del Manifesto. La sola Venerazione è necessaria per ricevere il loro aiuto.

Prima Incantatrice accende la prima candela.

Seconda Incantatrice accende la seconda candela

La terza incantatrice accende la terza candela.

3a Incantatrice: Possano essere concesse le parole del Filosofo Platone affinché possiamo onorare debitamente le Fate.

1° Mago: "A distanze uguali siedono tre figure, ciascuna su un Trono. Queste sono le Tre Fate, le figlie della Necessità: Lachesis, Cloto e Atropo. Le loro vesti sono bianche, le loro teste sono inghirlandate e cantano alla musica delle sirene. Lachesi canta delle cose passate, Cloto delle cose presenti, Atropo delle cose a venire. E Cloto di volta in volta prende il bordo più esterno del fuso e aiuta a girarlo, allo stesso modo Atropos ruota i cerchi interni con la mano sinistra, mentre Lachesi prende i cerchi interni ed esterni con la mano sinistra e destra alternativamente.

Mentre il mago parla, tre Incantatrici seguono  il fuso con i movimenti delle mani, passandolo da una all'altra.

Al loro arrivo nella prossima vita, le anime vanno dinanzi a Lachesi e gli viene detto "Questa è la parola di Lachesi: Anime di un giorno, qui devi iniziare un altro ciclo di vita mortale. Nessun angelo custode verrà assegnato a te; tu devi scegliere il tuo. Dio non conosce padrone. Un uomo deve avere più o meno di lei, l'angelo, in base al valore che lui le attribuisce. I difetti non stanno con le Divinità ma con l'anima che fa la scelta. "

Secondo mago: E quando tutte le anime fanno la loro scelta, vengono portate ad Atropo che le presenta con la loro sorte nella nuova vita: e dopo averLa salutata, vengono condotte a Cloto che, filando, ha reso irreversibili i fili di ogni destino.

Mentre queste parole vengono lette, i compagni passano dinanzi alle Incantatrici e toccano il fuso. 

Prima incantatrice: sappi che ogni anima beve delle acque di Lete in modo che tutta la memoria sia perduta di vita prima dell'esistenza terrena. Ma ora non beviamo quest'acqua. Piuttosto preghiamo gli Antenati affinché ci venga concesso il ricordo del luogo da cui siamo venuti e delle nostre precedenti vite. Possa suonare la campana della Metà Oscura del Ciclo.

Il primo mago colpisce il gong sei volte. La terza incantatrice rovescia la clessidra di sabbia. Circoambula con l'incenso intorno a tutti i presenti, da sinistra a destra.

Terza incantatrice: questo incenso possa condurti la memoria del passato nascosto.

1a Incantatrice: Compagni, sedetevi in cerchio, ognuno al proprio posto sul perimetro dell'orologio stellato.

(Solleva il pendolo oscillante, rallentandolo).

Guarda il movimento del Tempo! Chiudi gli occhi. Sentiti in movimento all'indietro. Sprofonda nel sonno di veglia. Senti il debole suono di un gong e sai che sono i battiti del tuo cuore. Questi crescono più lentamente e più lentamente. Il pendolo oscilla più lentamente. . . Indietro nel tempo, diventa un bambino, un bambino. Guarda il tuo corpo infantile. Vedi un antico specchio d'argento, macchiato e vecchio. È velato di polvere. Ci entri. . . e in silenzio fatti strada sul tuo percorso stabilito, sapendo che tornerai quando sarai richiamato dalla voce dell'incantatrice.

Contemplazione delle cose passate

Prima incantatrice: ascolta la voce dell'incantatrice! Ora è tempo di tornare dal passato attraverso lo specchio del presente. Passa attraverso lo specchio e torna al Tempio da dove sei uscito, portando con te il tuo raccolto di esperienza.

I compagni condividono rapporti di esperienze.

Prima incantatrice: preghiamo i destini affinché ci vengano concesse visioni di cose che verranno. Possa suonare la campana della Metà Luminosa del Ciclo.

Il secondo mago colpisce il gong sei volte. La terza incantatrice rovescia la clessidra di sabbia. Porta la brocca d'acqua a tutti i presenti, che si aspergono d'acqua sulla fronte.

Terza incantatrice: quest'acqua porti visioni di cose future.

La seconda incantatrice tiene il pendolo oscillante aumentando la velocità.

Seconda incantatrice: ecco il movimento del Tempo. Chiudi gli occhi. Sentiti andare avanti. Sprofonda nel sonno di veglia. Senti il debole suono di un gong e sai che sono i battiti del tuo cuore. Questi crescono sempre più velocemente. Il pendolo oscilla sempre più velocemente. . . Avanti nel tempo, diventi vecchio, stai morendo. Abbassa lo sguardo sul tuo corpo morente. Ti alzi sopra. Sopra di te c'è una particolare costellazione, la tua casa. La fissi e segni la sua forma e il colore delle stelle. . . ci entri dentro . . e in silenzio fatti strada sul tuo sentiero stabilito sapendo che tornerai quando sarai chiamato dalla Voce dell'Incantatrice.

Contemplazione del futuro

Seconda incantatrice: ascolta la voce dell'incantatrice! Ora è tempo di tornare dal futuro attraverso la tua costellazione. Ritorna al Tempio da dove sei uscito, portando con te visioni delle Cose che verranno.

I compagni condividono resoconti di visioni e profezie.

Tutti si alzano.

1o Mago: Siamo figli delle divinità immortali i cui attributi sono Amore, Bellezza e Verità. Inviamo il Bene a tutti gli esseri.

Tutti sollevano le mani per irradiare bene.

1 ° Mago: rendiamo Grazie alle Tre Fate e alle Divinità Stellari.

Fonti: "The Republic", Plato. "Metamorphoses", Ovid. Callimachus. Lycophron. Aratus. "The Eclogues, Georgics and Aeneid", Virgil, Oxford University Press, London, 1974. "Hesiod, the Homeric Hymns and Homerica", trans. Hugh G. Evelyn-White, William Heinemann Ltd. London. "Brewer’s Dictionary of Phrase and Fable", Ebenezer Brewer, first published between 1868 - 1870 by Cassel in London, now in it’s 14th edition, many editions available.

 


Back to Fellowship of Isis Liturgy

 

Back to La Compagnia di Iside


Comments