Translations - Italian - Dawn Rite

Dea, Riti e Misteri della Dea

Liturgia della Fellowship of Isis di Olivia Robertson

Alba: Rito per l'Abbondanza
Rituale no. 2

ORACOLO DELLA DEA AMA-TERASU-O-MI-KAMI    

Invocazione: Quando guardo l'augusto cielo, da cui si innalza, con una multiforme barriera di nubi che La nasconde, la Grande Sovrana che ci governa tranquillamente, da miriadi di ere; noi diciamo, possa sempre essere così per migliaia di anni ancora, possa sempre essere così. Con profondo rispetto La serviamo; con assoluta obbedienza vogliamo servirLa. Grande Dea del Sole, concedi ai Tuoi devoti la Tua grazia dal momento che sorgi, e donaci la tua grazia per tutto il ciclo dei giorni e delle vite.

Oracolo della dea del Sole Ama-Terasu-O-Mi-Kami attraverso la sua sacerdotessa

"Voi fissate lo sguardo sulla Mia sfera d'oro e vi meravigliate:
Vi inchinate davanti alla Mia gloria e vi sentite come nulla:
Mi vedete nei cieli e non Mi trovate mai:
Il paradiso che cercate è al di sotto dei vostri piedi.
 
Con gesta gloriose voi Mi onorate:
Costruite ali e volate verso di Me:
Mi offrite la vostra anima:
Eppure io sono dentro il vostro cuore.
 
La terra nasconde il mio splendore:
Nella sua oscurità è il Mio dono:
All'interno della piccolezza è la Mia grandezza,
All'interno delle sue creature risplende la Mia scintilla.

La terra è un sole in formazione:
Ali si celano nella crisalide:
Il vuoto dello spazio è la Mia veste.
Chi sono io? Io sono l'Amore".
 
Sull'altare vi sia una piccola pietra, un vaso di cereali, una tazza di acqua, incenso e olio. Ci sia una pianta fiorita.

Devoto: Benedetta sei tu, o Ama-Terasu, tu che hai creato il miglio, il grano e i fagioli, il seme per i campi asciutti, e hai creato il riso per i campi allagati. Tu hai designato il Dio del Raccolto cha ha immediatamente sparso per la prima volta il seme del riso nel campo angusto e nei vasti campi del Cielo. Quell'autunno, le spighe piegate verso il basso, alte otto spanne, furono estremamente piacevoli da guardare. Grande Dea del Sole, elargisci a noi la fertilità, la pace e l'abbondanza, e tutte le gioie della terra. Condividi con noi la Tua felicità eterna, la Tua risata luminosa in questa alba, che il nostro giorno possa essere radioso con la Tua grazia.

Invocazione ad Ushas, dea dell'alba

Il Devoto offre i cereali alla Dea.

Devoto: "Che gli inni si innalzino, che le preghiere si sollevino insieme,
I fuochi si sono innalzati, rivestiti di abbagliante splendore,
L'alba brillante mostra i bei tesori,
Che erano stati nascosti dalla notte e dall'oscurità.
Vieni da noi, Ushas dell'Alba Dorata ".

Il Devoto offre l'incenso.

Devoto: "Bella come una sposa, adornata dalla madre amorevole,
Manifesti la Tua forma che noi possiamo vedere,
Fausta Alba, risplendi più ampia e luminosa,
Nessuna Alba ha mai raggiunto il Tuo splendore.
Fai luce su di noi, Alba, Tu lesta ad ascoltare.
Che noi e tutti i nostri generosi compagni possiamo prosperare ".

Il Devoto offre la pianta o i fiori alla Dea.

Devoto: Ti salutiamo, Dea Grainne, Sole delle stagioni, mentre viaggi in alto per il cielo, con i Tuoi passi decisi sul fianco delle alture, Tu sei la madre felice delle stelle. Ti immergi nel mare periglioso senza danno e senza dolore, Ti alzi sull'onda tranquilla come una giovane regina in fiore. Noi gioiamo al Tuo sorgere nel cielo del mattino.

Il Devoto suona il campanello e resta in silenzio  mentre percepisce la comunione con la Dea. Alla fine della meditazione devoto suona la campana due volte e beve l'acqua.

Devoto: Accetto acqua dalla Dea, che io possa condividere la Sua felicità in questo giorno.
Il Devoto pone le mani sulla pietra dell'altare: accetto i doni della terra dalla Dea attraverso questa pietra, che io possa essere benedetto con i tesori della terra.

Il Devoto tende le mani: Possano tutti gli esseri e tutte le esistenze essere benedetti con Felicità e Abbondanza, oggi e per sempre.

Ringraziamento: Rendiamo grazie ad Ama-Terasu-No-Oho-Kami per il sole. Rendiamo grazie ad Ushas per l'alba. Noi sulla terra lodiamo la Madre.

"La terra ricevendo le umide gocce di pioggia,
Genera i mortali,
Genera il cibo, e le tribù di animali.
Quindi Lei non è ingiustamente considerata,
Come la Madre di tutti.
In Lei noi siamo Benedetti ".

 
 
Fonti:  "Nihongi: Chronicles of Japan from the Earliest Times to A.D. 697", tradotto da W. G. (William George) Aston, George Allen & Unwin, London, 1956. Inno Vedico da "The Goddesses of India, Tibet, China and Japan", Lawrence Durdin-Robertson, Cesara Publications, Clonegal Castle, Ireland, 1976. “Scottish Gaelic Folk Prayer” and “11th Century Poem”,  di autore anonimo Irlandese, “A Celtic Miscellany", Kenneth Hurlstone Jackson, Routledge & Kegan Paul Ltd., London, 1967. Verse fragment, Euripides, Ambroise Firmin-Didot, Paris, 1875.
 
 
 

La Compagnia di Iside

 

FOI ritual translation by Aglaia of En Erebos Phos Iseum, Rome, Italy.

 
Comments