Italian: Sophia: Risveglio mistico del Toro e Iside

Sophia, Coscienza Cosmica della Dea

Liturgia della Fellowship of Isis di Olivia Robertson

Risveglio mistico del Toro e Iside

Rituale no. 3

ORACOLO DELLA DEA ISIDE

Sacerdotessa: (Invocazione) Iside, Conceditrice d'amore, tu che hai perso e ritrovato il tuo divino marito Osiride, Serapide stellato, e che lo hai portato alla vita: insegnaci ad amare con comprensione: per aiutare piuttosto che ostacolare quelli che cerchiamo di guarire, e tienici nel tuo abbraccio, che è quello della Madre Cosmica.

Oracolo di Iside: I miei amori sono molti, perché per Me tutti i miei figli e figlie sono i frammenti smembrati di Serapide, la costellazione stellata di esseri incarnati. Il mio latte bianco nutre tutte le creature, perché questo latte è il nettare delle Divinità, che reintegra il loro icore, il Sangue Divino. Giustamente sono adorata come la Dea Mucca, condividendo l'onore con Hathor e Lakshmi: perché tutte le madri, che siano animali o umane, serpenti o pesci o insetti, si donano interamente, con disinteressato abbandono, alla loro prole. Questa è la legge della Natura, perché è la Mia legge. Ma le mamme e le mogli hanno bisogno di essere protette e rafforzate dagli Dei, perché per dare, dobbiamo anche ricevere. Le Dee ricevono la vita e il cibo dalla Dea Madre ma hanno bisogno anche degli Dei potenti che diano loro la propria forza e determinazione. Sappiate che il nostro amore può essere la nostra debolezza e coloro che dipendono da noi possono diventare come parassiti, se li teniamo troppo a lungo sotto le nostre ali protettrici. Quindi ricordate che sebbene la Dea presieda la costellazione del Toro, è il Dio Serapide con il Suo occhio rosso che osserva i giusti e gli ingiusti; e che premia i virtuosi e punisce i malvagi. Nel Gigante Orione scorgete l'uomo nel pieno vigore della sua natura selvaggia: equilibrate sempre questo, nelle vostre vite, con la Stella Bianca di Iside. Il mistero interiore giace in questa stella, Sothis-Sirio. Questo è il Sole interiore che ora viene svelato a coloro che comprendono. In questa stella doppia si può realizzare l'Unione celeste del Dio e della Dea: Amore e Verità miscelati in perfetta bellezza.

Un cerchio di sette candele bianche è posizionato attorno al tempio che circonda un altare centrale drappeggiato di giallo limone. Su di esso ci sono sette candele bianche attorno a una lampada rossa, una tazza di latte, una brocca d'acqua, incenso che brucia e una mappa stellare del Toro. Due Sacerdotesse indossano il copricapo di Hathor-Iside (le corna delle mucche sostengono un disco supportato da un "sedile") e le vesti giallo limone. Due sacerdoti indossano il copricapo bianco di Osiride e le vesti dello stesso colore. Le compagne portano cerchietti d'argento, gli uomini, il copricapo bianco "Phra" (stoffa ripiegata) e tutti indossano vesti bianche. Ognuno porta il lamen ankh. Le sacerdotesse usano il sistro (strumento musicale tintinnante egiziano) e i sacerdoti, il pastorale di Osiride.

1 ° Sacerdote: Compagni alla ricerca di una maggiore consapevolezza, siamo riuniti per sperimentare il risveglio mistico conferito dalla Dea Iside attraverso la sua costellazione, il Toro.

Musica. I flauti sono adatti. "Mooncircles", di Kay Gardner.
Sacerdotessa: (offre incenso sull'altare) Offro questo incenso a Te, Iside, in onore della tua

Divinità.

"Ave, Agatetyche, molto rinomata Iside, la più potente Hermouthis, in Te ogni città gioisce:
O Datrice di vita e dei prodotti del grano, tutti
i mortali si dilettano delle Tue benedizioni,

Tutti quelli che ti pregano per ottenere abbondanza
Prosperano nella Tua benevolenza per sempre;
Tutti coloro che sono attanagliati da malattie terribili, nella morsa della morte Se ti pregano, ottengono rapidamente il rinnovamento alla vita.
Creatrice della terra e dei cieli stellati,
E di tutti i fiumi e torrenti veloci;
Horus è tuo figlio, e abita le altezze del cielo,
È il sole nascente che mostra la luce.
Tutti coloro che, in effetti, desiderano dar vita alla prole
Se ti pregano, ottengono fecondità.
Con te fiorisce tutta la vegetazione e tu offri a tutti
Quelli che lo desiderano, una vita di indicibili benedizioni.
Gioiosamente dopo le tue feste torniamo a casa,
Reverentemente, pieni della beatitudine che viene da Te sola.”

Le Sacerdotesse scuotono il sistro. Sollevano entrambe le braccia e quando una forza bianco/argentea viene percepita attraverso il loro corpo come fosse pioggia, procedono intorno alla compagnia, posando delicatamente le mani su ogni testa e cuore, e facendo il segno dell'ankh finché i Compagni non sentono anch'essi il potere.

1 ° Sacerdote: (offre incenso sull'altare) Ti offro questo incenso, Osiride, Serapide il Toro Stellato. Ave, Sacro Toro! Salve a te, benefico Toro! Salve a te, che fai prosperare! Salve a te che fai crescere! Salve a Te che offri la tua grazia! Salvaci! Offriamo insieme all'incenso i nostri pensieri, parole e azioni, le nostre mandrie e gli uomini e le donne, allo Spirito Generoso delle Divinità. E possano le Stelle Creative brillare su di noi e ruotare intorno a noi. Lascia che Aldebaran, la Torcia, l'occhio rosso sinistro del Toro, dato dalla Dea, che risplende nel chiarore delle Sette Fanciulle, le Iadi, vegli su di noi!

Il primo sacerdote tiene in alto la lampada con la mano sinistra e il suo bastone nella mano destra.

2a Sacerdotessa: (offre incenso) Offro questo incenso a Te, Lakshmi, Dea Mucca, che hai prodotto l'Universo vorticante dalla zangolatura del tuo Mare di Latte! Eppure puoi apparire come uno qualsiasi dei tuoi figli, sotto mentite spoglie. E il pellegrino chiese nel suo vagabondare: "Da dove soffia questo vento, e il più dolce profumo che abbia mai sentito?" Gli parve che la sua stessa coscienza avanzasse in quel vento, nella forma di una fanciulla fiera, luminosa, dalle bianche braccia, forte, alta, dal bel corpo, nobile, di stirpe gloriosa, dall'aspetto di una fanciulla nel suo quindicesimo anno, bella come le cose più belle del mondo. E l'anima del fedele si rivolse a lei, chiedendo: "Che fanciulla sei tu, che sei la più bella che abbia mai visto?" E lei gli rispose: "O giovane, di buoni pensieri, buone parole e buone azioni, di buona religione! Io sono la tua stessa coscienza, ero amabile e tu mi hai resa più amabile; ero bella, e tu mi hai fatta ancor più bella. Io ero desiderabile e mi hai resa ancora più attraente, ero tenuta in alta considerazione ma tu mi hai resa la cosa più importante, attraverso il tuo buon pensiero, la tua buona parola e le tue buone azioni".

2a Sacerdotessa: (prende tra le mani la tazza di latte e dice a ciascuno) Accetta questo latte dalla Madre di tutti gli esseri e riconosci te stesso/a come Suo/a figlio/a.

2 ° Sacerdote: (offre incenso) Offro questo incenso a Te, Visnù il Protettore, in onore della Tua Divinità. Lode a Te, triplice Dio Visnù, Tu sei l'incarnazione della misericordia e della bontà. Tu sei il potere che mantiene il Dharma, l'Ordine universale. Quando Lakshmi ha mescolato il Latte dell'Universo, creando così i cieli stellati nel firmamento, Ti sei mosso attraverso la superficie delle acque di Nara, l'oceano cosmico. Come Narayana, hai portato calma e compassione ai nuovi nati, e hai preservato gli esseri generati dal vortice della creazione. Alla fine di ogni era Tu dormi sul serpente Sesha che si snoda attraverso i cieli.

2 ° Sacerdote: (spruzza acqua intorno al cerchio pronunciando queste parole) lasciate che la mente porti ordine nelle passioni.

1 ° Sacerdote: compagni, invochiamo le quattordici Atlantidi.
1a Sacerdotessa: (scuote il sistro) invochiamo le Iadi, le sette figlie di Etra e Atlante, sorellastre

delle Pleiadi.

"Non appena il marinaio scorge le Iadi Radunano un esercito di nuvole Cimmeriane Austro e Aquilone con destrieri alati”

Così queste stelle portano terremoti e venti dello Spirito. Custodiscono Aldebaran, portatrice di ricchezza e onore. Come le Vestali, le Iadi salvaguardano l'Occhio sempre vivo, della Dea Utchat, e da esso procedono le Tauridi, meteore luminose e palle di fuoco.

A turno sette compagni accendono una candela dell'altare con queste parole:

1 ° compagno: concedici le abilità nelle arti, Fesile, Ninfa coronata come le Grazie. 2° compagno: dacci il potere del buon governo, Coronide, adornata da un diadema. 3° compagno: aiuta la nostra meditazione, Cleia, riccamente incoronata.
4 ° compagno: aiutaci nella guarigione, bella Faio.

5 ° Compagno: possiamo noi raggiungere la tua dignità, Eudora, dalla lunga veste.
6 ° Compagno: arricchisci le nostre devozioni religiose, santa Ambrosia.
7 ° Compagno: Lascia che la tua luce perpetua brilli sulle nostre anime, bianca Dione.

2a Sacerdotessa: (scuote il sistro) invochiamo le Pleiadi, le Sette Sorelle, Spola di Neith, Stelle di Hathor. Verso di Loro erano orientati molti Templi dell' Ellade. La Dea Pleione è la loro Madre. Le Pleiadi sono le sette colombe bianche di Dodona. Sono loro che portano il Tuono e il Lampo dell'Iniziazione.

Musica.
Sette compagni accendono una candela ciascuno, pronunciando queste parole
:

1° Compagno: vieni da noi, Alcione, la Lucente, sorella maggiore, e scendi su di noi con la tua luce spirituale! Come Arundhati, hai portato il Divali, il Festival delle Luci, in India, e la Festa delle

Lanterne in Oriente. Tu sei Amba, la Madre. Dacci il tuo amore.

"La stella grande e ardente,
Incommensurabilmente antica, incommensurabilmente lontana, Agita la sua fiamma d'argento
Attraverso l'eternità... Alcione!"

2° compagno: Invochiamo Maia, Madre di Hermes, affinché possiamo ottenere mente lucida e buona comprensione. L'amore ha bisogno di essere equilibrato dalla saggezza.

3° compagno: dolce Taigete, dacci le gioie della vita, tu che hai stabilito le due stagioni della raccolta del miele: appena Taigete la Pleiade mostra alla terra il suo bel volto e sprezzante col piede respinge le acque di Oceano e quando fuggendo dall'umida stella dei Pesci assai triste discende dal cielo tra le onde invernali, otteniamo il miele della felicità.

4 ° compagno: Elettra dal viso scuro, condividi con noi la tua lealtà. Hai ritirato la tua luce nel dolore per la distruzione di Ilio, la potente città fondata da Tuo figlio Dardano: "Elektra Trojae spectare ruinas: Non tolit ante Oculos, opposuitque manum " La tua bellezza è avvolta dal pesante velo che il tuo matrimonio ha vinto.

5 ° Compagno: Coloro che amano l'amicizia si rivolgono a te, Asterope e a tua sorella gemella. Aiutaci a trovare e mantenere veri amici.

6 ° Compagno: Ci rivolgiamo a Te, Mater Pleione! Unisciti al nostro cerchio, così come fili delicati uniscono le tue figlie. "Il terreno era cosparso di lucentezza e file di Pleiadi sembravano appese ai rami degli alberi." Per i nostri Riti, possa il Cielo esporre la Rosa adorna di perle delle Pleiadi come un sigillo di immortalità.

7 ° Compagno: Non ignoriamo la stella perduta, Merope, la stella occulta dei Misteri! Insegnaci la reverenza per ciò che non conosciamo, Merope dagli occhi scuri:

"Sette stelle orbitano lassù, dicono gli uomini,
Eppure soltanto in sei sono viste dagli occhi mortali.
Dalla dimora di Zeus nessuna stella sconosciuta si è persa, Sin dalla prima che è nata, abbiamo sentito;
Ma così viene raccontata la storia. Sono visibili solo in sei: La settima si nasconde sotto le nuvole scure. "

Sacerdotessa: Compagni, creiamo l'intreccio dei Raggi. Come fanno le Atlantidi, spostiamoci da nord a ovest.

Musica. Danza a spirale. Si possono vedere colori bianco-argentei e giallo limone e un bagliore roseo attorno all'altare. Si può avvertire un potere freddo, un'energia simile a gocce di pioggia si può sentire soprattutto nella gola. Quando un debole cambiamento di coscienza viene sperimentato dal gruppo, la danza finisce e tutti si siedono.

2 ° Sacerdote: (mostra la mappa stellare del Toro) Compagni, contempliamo il Risveglio del Toro e di Iside.

2a Sacerdotessa: osservate con me la gloria del cielo nero dell'inverno. Con gli occhi dei fanciulli che si meravigliano guardiamo l'ammasso stellato delle Pleiadi come ninfe danzanti che si muovono attraverso il cielo. Giungono con il Toro bianco, Serapide, che sorge dal fiume latteo del cielo,

Eridano. Il suo minaccioso occhio sinistro brilla come una torcia rossa, e al suo interno vi sono tutti i ricordi perduti. Nel suo occhio è conservata per sempre la bellezza della Dea; e le Sue corna biforcute da mucca possono essere viste dietro di Lui. Seguendolo, avanza Sahu-Orione-Horus del cielo australe, il gigante dalla testa di falco. "E dal mare lattiginoso del cielo sorge la grande Iside, e sulla Sua fronte c'è la luna piena e nella Sua mano destra tiene la Sua stella, Anuki, Sirio che ospita gli spiriti gemelli immortali di Osiride e di Sé Stessa.”. Questa è la storia di amore e vita eterni, della perdita e del guadagno della morte ad Ovest e del sorgere a Est. Contemplate e meravigliatevi.

Contemplazione

Report sugli stati di coscienza.

2a Sacerdotessa: torniamo lentamente alla consapevolezza di tutti i giorni, portando con noi tutto ciò che abbiamo ottenuto. Inviamo pensieri d'amore e felicità a tutti.

1a Sacerdotessa: (verso l'altare) Rendiamo grazie a Iside e a Lakshmi. 1 ° Sacerdote: (verso l'altare) Rendiamo grazie a Serapide e a Visnù.

Fonti: "Hymns of Isidorus", (Augustan Age) trans. and notes, Vera F. Vanderlip. "Manetho", "Ptolemy", both trans. W. G. Waddell, Loeb Classical Library. "Hesiod", "Homer", trans. Evelyn- White, Loeb Classical Library. "The Zend-Avesta", Sacred Books of the East series, Max Muller, Motilal Banarsidass, Delhi. "Indian Mythology" Hamlyn. Music on Record and Cassette: "Mooncircles", Kay Gardner, Wise Women Enterprises Inc., P. O. Box 297 Village Station, New York, NY 10014, USA.

Nota: "Star Names, Lore and Meaning", Richard Hinckley Allen, Dover Publications, New York, prima pub. 1899. Per ogni rito sono stati usati "Giunone Covella, Calendario perpetuo della Compagnia di Iside", Lawrence Durdin-Robertson, Cesara Publications e Philips "Planisphere".

Traduzione della Rev. Ivana Circe Modesto.







Back to Fellowship of Isis Liturgy

 

Back to La Compagnia di Iside


Comments