Italian: Sfinge 7. Nettuno: Melusina del Potere del Drago

Sfinge, miti e misteri della Dea

Liturgia della Fellowship of Isis di Olivia Robertson

VII. Nettuno: Melusina del Potere del Drago


ORACOLO DELLA DEA GODA


Invocazione: Divina Goda, Consorte del Dio. Tu formi il Drago dello Spazio con la tua rete di costellazioni scintillanti. Attraverso il tuo abbraccio oscuro con il Dio della Luce, crei miriadi di esseri viventi. Amiamo la vita e temiamo la morte. Il tuo Drago di Fuoco risveglia le nostre anime verso l'immortalità!

Oracolo: così vorreste essere immortali! Per fare ciò è necessario non solo il potere del Drago dello Spirito, ma la mente per apprezzarlo! Troppo spesso quando le persone invocano l'immortalità, possono solo visualizzare un'identità derivata da un sogno limitato. Per essere consapevoli e godere dell'infinito avete bisogno della mente di un genio, delle passioni di un amante e della capacità di godere della compagnia degli altri! Altrimenti l'immortalità è una prigione per l'ego, intrappolata in manie di grandezza personale, gli unici compagni sono i riflessi di sé. Il vostro mondo può essere visto come una serie di tante storie fatate create durante la notte ed eseguite durante il giorno. La conoscenza occulta è solo la successiva scena che cercate di scoprire, sbirciando dietro il velo di una donna! E in effetti è quello che hanno fatto i vostri scienziati, durante il processo che ha squarciato un pericoloso buco nel velo dell'ozono della terra.

Gli Dei non interferiscono a meno che non venga loro richiesto. Questo è per proteggere il vostro libero arbitrio - il vostro diritto di scegliere il bene o il male - e imparare dalle conseguenze. Ma ci sono alcuni che ci amano e sperano che esistiamo! Il mio Essere è riprodotto non attraverso razze o gruppi ma attraverso ogni progenie originale. Quindi - ognuno di voi - se credete in Me, può parlarmi! Ditemi il desiderio più profondo del vostro cuore e lo realizzerò. Il mio emblema è la libellula.

Le sacerdotesse indossano corone d'argento, abiti viola e argentei e portano bacchette argentate. I sacerdoti indossano copricapi d'oro, abiti blu e oro e portano bastoni dorati. Le donne indossano fasce d'argento, gli uomini invece d'oro e indossano entrambi abiti blu e verdi. Su un altare drappeggiato di viola e argento ci sono tre candele accese, una ciotola d'argento e incenso che brucia. Può essere suonata della musica.

Sacerdote Ierofante: Compagni, siamo riuniti in questo sacro tempio per risvegliare il potere del drago dell'immortalità.
(Offre incenso).

Offro incenso a Te, divina Goda che detieni il tridente dell'oscuro spazio oceanico intrecciato con galassie a spirale.

Sacerdotessa Ierofante: Offro incenso a Te, Dio Onnipotente, Consorte di Goda, le cui lance di Luce penetranti dividono in due i cicli del tempo.

Sacerdotessa: (bagna ogni fronte con l'acqua). Possa quest'acqua risvegliare la vostra anima!

1° Sacerdote: (accende tre candele ).
Rispettate le parole del Bardo di Eire. "Dobbiamo vivere dentro il Fuoco dello Spirito, o passare come fumo."

Sacerdotessa Ierofante: le divinità nascondono i segreti interiori della trasmutazione dell'anima in favole fatate, oscure per i dotti, chiari a persone e bambini semplici. Per risvegliare il vostro drago interiore, amici, tornate alla vostra infanzia e godetevi una bella leggenda!


LEGGENDA FATATA: MELUSINA DEL POTERE DEL DRAGO SCENA 1. CASTELLO DELLA RUOTA DELLE STELLE

Entrano tre Dee, Aradia, Morrigan e Cerridwen. Indossano maschere d'oro, braccialetti a forma di lunetta e serpente.

Aradia: Prima di inondare Atlantide con il nostro oceano purificatore, ero adorata come Arianrhod, dea della ruota di stelle d'argento. Presso una razza umana migliorata un eone più tardi, sorsi dal mare come Arianna del labirinto dalle grotte marine. All'alba del nuovo eone sono tornata come Aradia. Sono nata dall'inganno di mia madre, la dea della luna Diana, che ha irretito Lucifero, Dio della luce, per essere mio padre. Porto magie, visioni e viaggi stellati per affascinare i miei figli sulla terra. Il mio piano è di produrre una nuova umanità!

Morrigan: (ride). I tuoi seguaci sognanti non sono in grado di produrre qualcosa di pratico sulla terra! Io sono La Morrigan! La terra è minacciata dalla follia umana e dall'avidità. I rimedi drastici sono i migliori. Raccomando di colpire la terra con un asteroide ben mirato.

Cerridwen: Sono io, Cerridwen, colei che può combinare le tue visioni Aradia, con la tua energia, Morrigan. Concedo ai Miei iniziati le tre sacre gocce di Saggezza, Immaginazione e Creatività. Mettiamo in azione il nostro piano segreto!

Aradia: nulla può essere attualizzato sul piano materiale finché non viene creato attraverso l'immaginazione. Chi può aiutarci a creare il nostro piano in modo che gli umani ci assecondino?

Morrigan: Chi altro se non Taliesin, mezzo dio, mezzo umano. Avrà l'esperienza per portare a compimento il nostro programma.

Aradia: Taliesin della mente brillante, vieni da noi!
Entra Taliesin con la coroncina di foglie di quercia druidica.

Taliesin: Io sono il primo frutto della vostra nuova umanità. Ho ascoltato il vostro piano e posso aiutarvi. Come Gwion, il mortale, ho ricevuto le tre gocce dal tuo calderone, Cerridwen. Ho riposato nove mesi nel tuo grembo. Sono stato tre eoni nel tuo castello stellato, Arianrhod della Ruota. Esisterò fino al Giorno del Destino sulla faccia della terra. Poi salirò al nostro Castello, tra le stelle estive.

Aradia: mostraci il nostro piano che viene messo in atto sulla terra!
Taliesin: ecco l'isola perduta di Avalon nell'Europa medievale! Pressine e sua figlia

Morgaine discutono del vostro piano.


SCENA 2. L'ISOLA PERDUTA DI AVALON

Morgaine: Mia cara madre, come puoi anche pensare al matrimonio con un mortale?

L'idea mi disgusta, anche se usi il nostro metodo fatato.

Pressine: Morgaine, conosco troppo bene il tuo amore per la natura così com'è. Tu dici che stai preservando una specie umana in via di estinzione, incoraggiando modi violenti. Il mio obiettivo è cambiare la natura umana stessa. Userò la magia - e i geni migliori.

Morgaine: Sei così fuorviata, idealista! Molte volte negli ultimi eoni hai effettivamente trasformato le specie umane in meglio. Quando i tuoi piani non sono all'altezza dei tuoi sogni, anneghi tutti - preservando solo alcune famiglie obbedienti. La mia evoluzione della sopravvivenza del più adatto - senza interferenze - uccide molte meno persone delle tue "nuove razze". Le mie vittime non devono sopportare sermoni e comandamenti - né devono digiunare per penitenza per il loro peccato originale.

Pressine: è la Volontà delle Dee che – con il tuo aiuto - le fate debbano riprovarci, per salvare la nostra terra dalla distruzione operata dalla follia umana e dall'avidità.

Morgaine: Per proteggere i miei animali e gli alberi, ti aiuterò.


SCENA 3. LA FONTANA DELL'ALBANIE

Taliesin: Visitiamo ora la terra di Albanie - Scozia. Osserviamo il re che sta cacciando in una foresta vicino al mare. È stupito quando incontra una signora di squisita bellezza, seduta accanto a una fontana. Lega il cavallo e si inchina a lei.

Re Elynas: Nobile Signora, sono il re Elynas di Albanie. Chi siete voi, che custodite questa fontana?

Pressine: Mi chiamo Pressine. Questa è una fontana fatata la cui acqua esaudisce il desiderio del cuore. Vi darò dell'acqua, se mi prenderete come vostra moglie!

Re Elynas: già il mio cuore è vostro! Siate mia moglie!

Pressine: esiste una sola condizione. Dovete fare un voto solenne di non guardarmi mai partorire! Questo è il mio segreto. Se rompete il giuramento, calamità si abbatteranno!

Taliesin: Elynas fece il giuramento solenne e Pressine gli diede l'acqua ed esaudì il desiderio del suo cuore. Come può essere effimero l'onore! Anni dopo, sedotto dalla gelosia di suo fratello, il re spiava sua moglie mentre era sdraiata. Osservò con terrore che Pressine aveva dato alla luce in modo miracoloso tre figlie allo stesso tempo! Erano Melisande, Melior e Palestrine, ed erano una meraviglia da guardare. Il Re fuggì e Pressine svanì, portando con sé le sue tre figlie nell'isola perduta di Avalon. Il cuore del re era spezzato.


SCENA 4. LA FORESTA INCANTATA

Taliesin: Il piano continua a svolgersi in Francia. Vediamo Raymond, figlio del conte di Forez, che vaga disperato nella foresta di Coulombier - Dimora delle Colombe. Durante la caccia a un mostruoso cinghiale, ha accidentalmente ucciso suo zio, Emeric Comte de Poitiers. Si imbatte in una fontana attorno alla quale sono sedute tre belle signore.

Entra Raymond che scorge le signore. Si inchina.

Raymond: Signore, abbiate pietà di me! Ho ucciso mio zio per errore, mentre cercavo un mostruoso cinghiale. Potete salvarmi?

Palestrine: il mio nome è Palestrine. Vi offro la bellezza di una terra lontana dove nessuno vi conosce.

Melior: Il mio nome è Melior. Posso darvi il potere di rivendicare l'onore con la vostra spada vittoriosa!

Melisande: Mi chiamo Melisande. Con la mia magia posso ingannare le persone facendo loro credere che sono state le zanne del cinghiale a uccidere vostro zio e non la vostra lancia. Quale regalo scegliete?

Raymond: Scelgo la vostra magia, Lady Melisande. Melisande: Per ottenere il mio regalo, dovete sposarmi!

Raymond: Sarò onorato di avervi come mia moglie.
Melisande: esiste una sola condizione. Dovete giurare sul vostro onore di non

guardarmi mai nuda! Se rompete il voto, il disastro incomberà.

Taliesin: Raymond diede la sua parola. Sposò Melisande, e tutti credevano che suo zio fosse stato ucciso da un cinghiale. Per molti anni, Raymond fu fedele al suo giuramento. Ma dopo che sua moglie ebbe dato alla luce dieci figli, il figlio geloso di Raymond - di un precedente matrimonio - prevalse su di lui per tradire Melisande. L'atto fu compiuto nel castello di Lusignan, un castello costruito da sua moglie.


SCENA 5. IL CASTELLO DI LUSIGNAN

Taliesin: Guardiamo due donne coprire il bagno di Melisande con una tenda.

Entrano due donne che allungano una tenda. Segue Melisande in una tunica verde. Sparisce dietro la tenda, passando la sua veste discretamente a una signora, che se ne va. Entra Raymond furtivamente. Si avvicina alla tenda aggirandosi intorno. Si sente un un urlo.

Raymond: Mia moglie è per metà donna e per l'altra drago! (Fugge).

Taliesin: il marito terrorizzato vide che Melisande era una donna fino alla vita, ma dal ventre in giù possedeva il corpo squamoso di un drago, con artigli e ali! Melisande spiegò le ali da drago e volò attraverso la finestra. Girò intorno al castello tre volte, e ogni volta che passò davanti alla finestra dei suoi due figli più piccoli, fece un grido angoscioso. Poi svanì per sempre. Ma nei secoli a venire fu venerata come una buona madre, dai i suoi figli, da tutte le famiglie reali e della nobiltà d'Europa. Raymond era disonorato, perché aveva ucciso suo zio per sbaglio, e aveva infranto il suo giuramento volontariamente.


SCENA 6. IL LITORALE DELLA BRETAGNA

Taliesin: Raggiungiamo l'età in cui gli uomini hanno calpestato la luna di Diana. I discendenti di fate e mortali sono riuniti sulla riva del mare della Bretagna, dove Raymond de Forez ha trovato per primo la fontana fatata. Attendono l'eclissi della luna, segno che l'Isola perduta dei Beati sorgerà dall'oceano. Hanno intenzione di guadare, nonostante il pericolo di annegamento.

(Folla di metà fate, metà umani riuniti).

Musica. Melisande, Melior e Palestrine appaiono davanti a loro indossando maschere d'argento e abiti scintillanti.

Palestrine: tornate alle vostre case e liberate la terra con la pittura, la scultura e la musica!

Melior: tornate nelle vostre città e combattete per salvare animali e alberi!

Melisande: L'isola dei Beati appare solo ogni 500 anni. Tornate con me nelle vostre stanze e riempirò le vostre notti con le gioie della Terra dai mille colori! Date forma con noi alla Danza del Drago della Creazione, affinché possiamo far circolare la nostra felicità su tutta la terra!

L'intera compagnia partecipa alla danza del Drago.

Fine della rappresentazione

Contemplazione

Contemplazione del Mistero di Melusina del Potere del Drago. Vengano scambiate le impressioni. Vengano inviati raggi di creatività. Siano ringraziate le divinità.


Fonti: "Melusine, Une Fee Venue du Fond des Temps", A Troyes, 1677. "Comte de Gabalais", Abbé N. de Montfaucon de Villars, 1670. "Miti e leggende della razza celtica", Rolleston, Harrap. "Aradia, Il Vangelo Delle Streghe", Charles G. Leland 1891.

Traduzione di Ivana Circe Modesto dal Pharmakou Potnia Iseum.




Back to Fellowship of Isis Liturgy

 

Back to La Compagnia di Iside


Comments